091 476517
auroraassistance@gmail.com
319, Corso Dei Mille

Aumentano Cremazioni risparmiare sui loculi 19/11/2012

Aumentano Cremazioni risparmiare sui loculi

Sono 85 mila all’anno gli Italiani che preferiscono le ceneri per spendere di meno, Possibile che la crisi influenzi anche l’ultima decisione della vita di un uomo? A giudicare dagli ultimi dati si direbbe di sì. In Italia aumenta il numero di persone che preferisce farsi cremare.

La ragione? semplice: si risparmia sul costo dei loculi

al cimitero che, soprattutto nelle grandi città sono carissimi e quasi introvabili. Nel 2011 “le ceneri” sono state scelte da 85 mila italiani. Una scelta, quella della cremazione dei defunti, sulla quale il nuovo Rito delle esequie, predisposto dalla Cei e in vigore da oggi, detta nuove ‘regole’, a partire dal divieto di disperdere o conservare in casa le ceneri, che dovranno essere deposte in un’urna al cimitero.

Il ricorso alla cremazione

-spiega Carmelo Pezzino, direttore della rivista ‘Oltre magazine’ – sta registrando in Italia un incremento costante, anche se con differenze abissali fra il Nord e il Sud del Paese”. Quanto alle motivazioni di coloro che la scelgono “se qualche anno fa avrei messo ai primi posti ragioni religiose e ideologiche – dice

oggi, in tempo di crisi,

prevalgono quelle economiche”. I dati parlano chiaro: si e’ passati da circa 3.600 cremazioni nel 1987 a circa 30 mila del 2000, per arrivare a 60 mila nel 2007, con un’incidenza del 10% circa sul totale delle sepolture, fino alle 84.783 mila del 2011, pari a oltre il 14%.
Con previsioni – da parte degli addetti ai lavori – che oscillano fra il 25% e il 35%, che in cifre si traduce in un probabile numero di cremazioni nel 2050 prossimo alle 178 mila.

Aumentano Cremazioni risparmiare sui loculi

Post a comment

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield