091 476517
auroraassistance@gmail.com
319, Corso Dei Mille

Cremazioni Comune di Palermo 13/04/2013

Cremazioni Comune di Palermo

Cremazioni Comune di Palermo  Cremazione di salme Il servizio deve essere richiesto da un parente del defunto o da una impresa funebre incaricata all’espletamento e al disbrigo delle pratiche relative all’operazione.

DESCRIZIONE sulla Cremazione

La cremazione è una operazione che consiste nell’incenerimento del feretro, contenente la salma, presso una idonea struttura dotata di forno crematorio situata all’interno di un cimitero, e la successiva raccolta delle ceneri in una urna sigillata portante all’esterno su un’etichetta non cancellabile le generalità del defunto.

Il provvedimento autorizzativo viene emesso dall’amministrazione comunale dove è avvenuto il decesso, a seguito dell’accettazione dell’istanza e del pagamento dei diritti spettanti, il servizio viene espletato all’interno del cimitero di S. Maria dei Rotoli di Palermo.

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE

La richiesta di autorizzazione alla cremazione è valida se contiene le generalità del richiedente e della ditta se incaricata, le generalità del defunto da cremare, la dichiarazione di conformità del feretro, la data e le firme del richiedente e della ditta se incaricata.
All’istanza deve essere allegata la copia fotostatica del documento di identità del richiedente, la copia fotostatica del documento di identità del titolare o legale rappresentante dell’impresa funebre, volontà testamentaria del de cuius o dichiarazione resa in carta libera, scritta e datata di proprio pugno, in mancanza dei precedenti, dichiarazione di consenso alla cremazione, cioè volontà manifestata dal coniuge o in sua assenza dal parente più prossimo (art. 74 e seguenti del codice civile) e qualora ne esistano più di uno, la dichiarazione di consenso alla cremazione dovrà essere compilata da ciascuno di essi;

– certificato medico dal quale risulti escluso il sospetto di morte dovuta a reato;
– nulla osta dell’autorità giudiziaria, in caso di morte improvvisa o sospetta;
– richiesta affidamento ceneri o richiesta celletta cineraria;
– attestazione del pagamento dei diritti.
Se l’istanza è incompleta si richiedono i documenti mancanti per proseguire l’iter.
Se l’istanza è accoglibile si avvia il procedimento amministrativo autorizzativo di cremazione.

COSTI della Cremazione

Il provvedimento autorizzativo di cremazione è contestuale al ricevimento dell’istanza completa di tutti gli allegati richiesti e al pagamento dei diritti spettanti.
I diritti fissi applicati dal Comune di Palermo sono di € 461,43 per la cremazione di una salma, di € 324,16 per la cremazione di resti mortali.
I diritti per la collocazione in cellette cinerarie, variano in base alle file dove sarà collocata la celletta oppure se la celletta è concessa in una sepoltura comunale.
Nessun diritto viene corrisposto per la cremazione di salme di soggetti per i quali si è proceduto al prelievo degli organi a scopo di trapianto.

MODALITÀ DI PAGAMENTO Comune di Palermo Servizi Cimiteriali

con bollettino postale o bonifico postale;
con bonifico bancario;
tramite POS presso l’U.O. Front Office unificata.

Cremazioni Comune di Palermo

La cremazione di salme di persone decedute prima del 27/10/1990 è possibile solo per espressa volontà del de cuius La cremazione di salme di persone decedute successivamente alla data di entrata in vigore del DPR n° 285/1990 è consentita, a richiesta degli interessati, con la produzione della documentazione di cui sopra, anche per salme provenienti da esumazione ed estumulazione.

quanto costa una cremazione

Comments(3)

  1. REPLY
    alaimo silvio says

    che differenza c’è tra cremazione di salma o resti mortali?

    • REPLY
      AuroraAssistance says

      La cremazione di salma si intende la salma intera, i resti mortali si intendeno la riunione dei resti mortali in cassetta ossario.

  2. REPLY
    Virtual Private Servers says

    Si ricorda che la tariffa fissata dal comune di Palermo, per la cremazione di una salma adulta, corrisponde a 472,10. La cremazione gratuita, ossia a carico del bilancio comunale, solo in caso d indigenza del defunto.

Post a comment

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield